Un aglio fortemente scenografico, poco conosciuto e dal gusto delicato.

L’aglio nero è un prodotto derivato dalla fermentazione dei bulbi di aglio bianco (Allium sativum).

Questa fermentazione venne sperimentata per la prima volta in Corea nel 2004, ma ben presto si diffuse anche in Europa e in America. Il processo di fermentazione ha una durata di 30 giorni e rappresenta solo il primo passaggio che serve ad ottenere l’aglio nero e non prevede l’utilizzo di conservanti o additivi. Trascorsi questi giorni vi è una seconda fase che consente all’aglio di assumere il caratteristico colore nero e che dura 45 giorni. A far colorare gli spicchi d’aglio è l’ossidazione, durante la quale questi si ammorbidiscono e il gusto diviene molto più delicato e con un leggero sentore di liquirizia. Grazie a questo processo, l’aglio nero risulta essere più digeribile rispetto a quello tradizionale, non ha odore e un gusto molto più dolce. Anche se il colore potrebbe lasciare un po’ interdetti, possiede numerose proprietà benefiche per l’organismo.

Proprietà dell’aglio nero
A causa del processo di fermentazione e ossidazione, l’aglio nero assume proprietà leggermente differenti dall’aglio bianco classico.

Proprietà antiossidanti
Il processo di invecchiamento consente all’allicina, la sostanza che conferisce il caratteristico gusto e odore pungente all’aglio, di trasformarsi in flavonoidi, polifenoli e alcaloidi bioattivi. Inoltre, vi è un alto contenuto di melanoidine, sostanze antiossidanti che si formano durante il processo di ossidazione che gli conferisce il caratteristico colore nero. La combinazione di queste sostanze rendono l’aglio nero un alimento con una doppia concentrazione di antiossidanti rispetto a quello bianco. Questi ultimi sono fondamentali per mantenere in salute l’organismo, in quanto contrastano l’azione nociva dei radicali liberi e aiutano a prevenire e combattere l’invecchiamento e la degenerazione cellulare, le malattie cardiache, il cancro e altre patologie che riguardano il sistema nervoso.

Riduce il colesterolo cattivo
L’aglio nero è un prodotto al 100% naturale e altrettanto povero di grassi. Basta pensare che in media per 100 grammi di prodotto, solo 0,1 grammi sono grassi e meno di 0,1 grammi, grassi saturi. Questo alimento, dunque, è indicato per chi segue una dieta povera di grassi come gli atleti. L’aglio nero è anche ricco di sali minerali come potassio, zolfo e fosforo, ma anche di proteine e fibre. Per ultimo, ma non per importanza, grazie ad un particolare composto solforoso contenuto in quest’ingrediente, risulta essere particolarmente utile nel ridurre il colesterolo cattivo.

Rimedio naturale contro l’ipertensione
Secondo un interessante studio pubblicato di recente sul periodico scientifico Eropean Journal of Clinical Nutrition, l’estratto di aglio nero costituisce un rimedio sicuro, efficace e ben tollerato contro l’ipertensione. Il test è stato condotto su 79 volontari affetti da ipertensione sistolica. A questi ultimi è stato somministrato l’aglio nero con un dosaggio di 480mg 2 volte al giorno e si è dimostrato particolarmente efficace, ma soprattutto ben tollerato.

Facile da digerire
L’aglio classico non è molto amato perché può essere causa di alitosi e allo stesso tempo difficile da digerire per tanti. L’aglio nero, invece, grazie alla presenza della S-allilcisteina facilita la digestione e l’assorbimento dell’allicina. Quest’alimento, quindi, è particolarmente consigliato per tutti coloro che non tollerano l’aglio e che non vogliono avere problemi con l’alitosi visto che questo non ha il classico odore e sapore pungente.

Controindicazioni
Non ci sono particolari controindicazioni, ma è fondamentale non eccedere nelle dosi per evitare la comparsa di nausea, vomito o gastrite. Il consiglio è sempre quello di acquistare prodotti di qualità, possibilmente di origine biologica e certificata.